Ajko Nails Italia shop

Il fenomeno della ricostruzione e decorazione delle unghie di mani e piedi non è più solo una tendenza, ma un vero e proprio must have per le donne di tutto il mondo. Ci sono Paesi in cui la preferenza generale è curare l’unghia naturale, laccandola con smalti tradizionali e altri in cui, invece, si incontrano tendenze, nail art e applicazioni più estreme.

Zaino in spalla e iniziamo insieme un tour attorno al globo per scoprire gli stili più amati nelle varie zone del mondo!

 

America

Cominciamo dai pionieri, dalla popolazione che ha dato il via all’arte della ricostruzione unghie: gli Stati Uniti d’America. Nonostante il loro gusto sia molto distante da quello europeo, è interessante notare come le tantissime etnie presenti negli States abbraccino tendenze completamente diverse fra loro.
La tipica donna americana ama unghie di lunghezza media e dalla forma quadrata: non è fan delle forme affusolate e sottili, anzi. Indossa unghie rigorosamente in acrilico, con una French manicure dall’importante sproporzione fra letto ungueale e French (rispetto ai nostri canoni, s’intende!).Le
colleghe onicotecniche degli States non amano utilizzare polveri camouflage per ricoprire il letto ungueale naturale; via libera invece a colla e tip per l’allungamento. Ultimamente anche il sistema Dip Powder è di gran voga…Secondo voi quanto durerà questo trend?

Il discorso è diverso per donne in carriera e celebrities, che amano invece un look più ricercato, con unghie dalla forma a mandorla appuntita, anche per loro rigorosamente in acrilico. Preferiscono il colore a unghia intera, ma, in caso di French manicure, si distinguono per combinazioni cromatiche particolarissime: ne è un esempio la base nera o bianca con punte French oro.
Lo sapevate che sono state nientemeno che le Kardashian a lanciare la moda di unghie con camouflage e French di diversi colori?

Le donne afroamericane native degli States, invece, amano un look eccentrico, con unghie molto lunghe e dalla forma estremamente incurvata verso il basso, decorate con vernice acrilica (anche spray), sulle quali spiccano applicazioni vistose e in rilievo. La comunità afro negli Stati Uniti tende a prediligere i colori vistosi proprio per creare uno stacco con l’incarnato.
Per lunghezze che si aggirano intorno ai 10 cm, ovviamente, utilizzano il sistema polvere e liquido. Spesso tagliano il loro set preferito per conservarlo e applicarlo successivamente con un raccordo di colla e acrilico che permette loro di cambiare look velocemente, senza ricominciare da capo: una trovata apparentemente geniale, ma non troppo sicura per la salute delle unghie naturali.

In Sud America lo stile è piuttosto simile, ma si privilegiano lunghezze inferiori. Le donne sudamericane non rinunciano mai a una manicure impeccabile, eseguita in ammollo settimanalmente e, come da tradizione, hanno questo appuntamento il venerdì!

 

Asia

In Asia le tendenze sono completamente diverse.
In Giappone, ad esempio, troviamo poche unghie ricostruire o con applicazione di materiale. Le donne giapponesi, sempre molto attente ad avere unghie dall’aspetto curato e utilizzano lime molto sottili per accorciarle senza danneggiarle; un trattamento di cura settimanale, tipico delle donne nipponiche, consiste nell’applicazione di polvere di riso e paste oleose o a base di alghe per la lucidatura della lamina. Amanti delle forme corte e arrotondate, non prediligono particolarmente il taglio delle cuticole e utilizzano raramente smalti colorati. Stiamo parlando ovviamente in linea generale, in quanto in Giappone sono presenti alcuni movimenti amanti degli anime/manga che dipingono le loro unghie di nero o con nail art elaborate che raffigurano i loro beniamini.

In Cina le unghie lunghe vengono apprezzate da tempo immemorabile.
La lunghezza sottolineava lo status sociale di una persona: dimostravano che potesse permettersi di non fare nulla in casa. La principale tendenza cinese, sopravvissuta nei secoli, prevede unghie allungate, con decorazioni accattivanti, talvolta addirittura impreziosite da elementi di design come cappucci oro e argento applicati sulla punta. Non si tratta però di un’opzione per tutti i giorni: è un’usanza che viene sfoggiata per la Danza Thousand-Hands, praticata principalmente dai sordomuti.

Le donne cinesi preferiscono il gel all’acrilico; la mandorla è regina, rigorosamente molto lunga e affusolata. Il glitter non deve mai mancare e, se non presente in superficie, viene collocato nella parte concava dell’unghia, anch’essa colorata o ricostruita con materiali fotoindurenti.

In Corea del Sud le donne si ispirano a tutto ciò che è esotico, insolito e brillante, traducendolo in idee per creazioni davvero inaspettate. L’ultimo trend che ha attirato l’attenzione di tutti, ad esempio, è stata la manicure “effetto vetro, luminosa, originale.

Sulle unghie delle ragazze sudcoreane spiccano anche decorazioni fatte di strass, sassolini, olio incapsulato, catene e altri elementi spettacolari. Anche per loro il materiale preferito è il gel!

Le donne arabe, invece, non utilizzano materiali che coprono l’unghia naturale per motivi religiosi: prima della preghiera bisogna lavare con acqua mani e unghie, pertanto non è concesso nulla che possa ostacolare la detersione completa della lamina. Ciò però non impedisce loro di fare impacchi nutrienti alle unghie con il pregiato olio di Argan.

Il nostro viaggio volge al termine…

Speriamo che aver aperto questa piccola finestra sul mondo sia stato utile, oltre che piacevole.
Potrebbe sempre capitare di trasferirsi in un Paese straniero, meglio non farsi trovare impreparat*!
O semplicemente non si sa mai da quale parte del mondo potrebbe provenire la tua prossima cliente!

Stato del tuo ordine: Tel 388 3843309
<!--Info generali sugli ordini: Whatsapp 392 2813103-->
Info generali sui corsi: Tel 380 1232320
X
Shopping cart
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
0
You don't have permission to register

Reset Password